Posted By admin
Posa del porfido: tecniche ed utilità

Il porfido è una pietra vulcanica naturale, molto utilizzata in architettura per le sue ottime qualità e la bellezza che lo contraddistingue, che attraverso una corretta messa in posa può durare per migliaia di anni.

Qualità del porfido

Tecniche di posa e curiosità

Il porfido è un materiale naturale, utilizzato da migliaia di anni per la costruzione di strade, piazze, ponti, chiese ed altre strutture architettoniche che sono sopravvissute nei secoli.
Ciò accade perché il porfido è un materiale molto resistente ai carichi pesanti e agli agenti atmosferici, molto presente in natura e che ben si adatta al contesto urbano ed ambientale.
Sebbene sia un materiale molto facile da lavorare, la posa porfido deve essere eseguita a regola d'arte per resistere al tempo ed è un lavoro particolarmente difficile. Sono numerosi i collanti che possono essere utilizzati per unire le lastre o i cubetti: sul mercato sono venduti siliconi e colle che ben si adattano a questo scopo, ma il materiale più usato da sempre è la sabbia. Se ben effettuata, la messa in posa con la sabbia è la migliore perché è più naturale e permette al terreno una maggiore areazione. Sia le colle, sia i collageni naturali necessitano di poca manutenzione e non subiscono i danni provocati dal gelo e dalla pioggia. Nelle zone trafficate da veicoli come auto e camion viene utilizzato il rivestimento di calcestruzzo, che aumenta la resistenza e la permeabilità della messa in posa. Questo processo può avvenire attraverso diverse tecniche sulla basa del disegno e del tipo di forma che viene scelta. In questo modo si possono trovare file parallele o archi contrastanti, la tecnica sicuramente più utilizzata. Molto elegante è quella a ventaglio, che di norma contiene al suo interno disegni in marmo.

Utilità porfido

Utilità e vantaggi di una buona messa in posa

Il porfido è un materiale utilizzato in tutto il mondo, ritenuto tra le pietre più belle e pregiate per la realizzazione di esterni. Oltre ciò ha delle caratteristiche tecniche che lo rendono molto utile in campo edilizio. Viene principalmente utilizzato per costruire strade e piazze poiché attraverso la messa in posa ad archi contrastanti il peso dei veicoli viene ammortizzato e distribuito uniformemente.
Affinché ciò sia possibile è necessario che la messa in posa del porfido, cubetti o lastre che siano, sia fatta a regola d'arte.
Il procedimento è il migliore per impermeabilizzare in maniera elegante e naturale giardini e piscine. La pietra offre vantaggi in termini di qualità – prezzo e la superficie dona ottime sensazioni al tatto.
Ciò perché la composizione mineralogica del materiale sorregge bene la struttura, facilitando il passeggio. Grazie alle diverse tecniche di messa in posa è possibile valutare varie alternative per la struttura, sia per il disegno.
Le forme e le varie tonalità permettono di personalizzare ogni spazio e di integrare diversi materiali naturali e non.
La messa in posa è durevole nel tempo e la superficie raramente si danneggia, ma qualora si necessiti basta cambiare la singola lastra o il mattoncino. In questo modo si ha un risparmio nel tempo per quel che riguarda la manutenzione. Il porfido è un materiale molto facile da pulire, che non si macchia e si adatta perfettamente a diversi stili architettonici.
Può essere utilizzato tanto per gli esterni, quanto per gli interni, favorendo l'armonizzazione degli spazi, e facilita la messa in posa anche su terreni irregolari.

Per questi motivi, la scelta di utilizzare il porfido rispetto ad altri prodotti naturali è spesso la più giusta e consigliata dai professionisti. Rari materiali come questo sono capaci di offrire al contempo un'eleganza senza tempo e delle caratteristiche tecniche così speciali.